Tag

,

L’acqua sommerge Genova.

Acqua che scorre, che inghiotte territori, che interrompe per sempre la vita di persone.

E’ di questo momento il bilancio di 7 vittime a Genova, di cui 2 bambini.

Mentre tutto questo avviene, mentre rimbalzano le notizie , il presidente del consiglio, colui che dovrebbe rappresentare il popolo italiano, si trova a Cannes e a conclusione del suo discorso pronuncia queste parole:

”Mi sembra che in Italia non ci sia una forte crisi. La vita in Italia e’ la vita di un Paese benestante, i consumi non sono diminuiti, per gli aerei si riesce a fatica a prenotare un posto, i ristoranti sono pieni”.

Lo afferma il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante la conferenza stampa a Cannes al termine del G20.

Io spero che non abbia potuto ricevere le notizie di quanto stia avvenendo a Genova.

Perché se fino ad oggi mi sono indignata ora non riesco più nemmeno a fare quello.

Ho solo rabbia, rabbia che esplode in lacrime che non riesco a contenere.

Dolore per questa mancanza di umanità, per questo totale sprezzo per le situazioni altrui che si manifesta nel negare la realtà.

Asserire che in Italia la gente sta bene è già di per sè vergognoso, asserirlo in una giornata come questa, carica di dolore e di disperazione, è un atto di inciviltà.

Un atto di inciviltà che non può più essere tollerato.

Un atto di sciaccallaggio sullo stato reale delle persone, a cui , a furia di negare l’evidenza e di non affrontare i problemi , si è rubato il futuro.

Io oggi non voglio indignarmi, non riesco nemmeno a dare un senso alla parola vergogna.

Vorrei solo guardare negli occhi le persone che fino ad oggi l’ hanno sostenuto e dire loro: “Se vi è rimasto un briciolo di umanità e rispetto per il paese in cui vivete liberateci da cotanta ignoranza.”

Non ci meritiamo questo disprezzo.

Marta