Tag

,


franca viola

 

 

Riceviamo da Mila Spicola questa petizione, che è possibile firmare qui :

https://www.change.org/it/petizioni/le-donne-cambiano-la-storia-cambiamo-i-libri-di-storia?utm_campaign=action_box&utm_medium=twitter&utm_source=share_petition

Ne condividiamo interamente il contenuto.

 

Al Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano,

Nel 1966 una donna normale rifiutò un sopruso e, con un atto di coraggio eccezionale, scrisse una pagina fondamentale della storia civile italiana. Questo atto di coraggio è sconosciuto ai più, non compare nemmeno nei libri di storia. È la vicenda di Franca Viola, prima donna italiana ad aver denunciato uno stupro.
Sono un’insegnante e le chiedo di far inserire nei libri di storia in ogni ordine di scuola la vicenda di Franca Viola.

Sappiamo quanto lei è sensibile ai temi dell’uguaglianza dei diritti tra gli uomini e le donne per questo mi rivolgo a Lei, certa che capirà l’importanza di quanto le chiediamo. Siamo in un momento particolare della nostra storia. Due processi contraddittori si scontrano: da un lato l’emancipazione delle donne sembra aver raggiunto traguardi importanti, dall’ altra le violenze sulle donne e i femminicidi non fanno altro che aumentare. Segno che in realtà l’emancipazione è apparente e il cammino verso la parità dei diritti è ancora agli inizi soprattutto nel sentire comune.
La violenza sulle donne è un’ emergenza civile, sociale e culturale su cui molto si è detto e molto si deve fare.

Da donna di scuola penso che proprio l’azione nella scuola sia la più urgente da mettere in campo per innestare processi di relazione sana tra i ragazzi e le ragazze e invertire la rotta attraverso l’educazione, la sensibilizzazione e l’istruzione riviste in una prospettiva di genere.

Nonostante le donne siano l’87% degli insegnanti, la scuola italiana “parla” al maschile, la storia è scritta al maschile e le politiche di genere sono completamente assenti nei contenuti e nei programmi scolastici.

Basterebbe poco. Una sensibilizzazione dei docenti e dei buoni provvedimenti a sostegno di un insegnamento di genere come si fa in tanti paesi dell’Unione Europea: con metodi specifici, insegnamenti specifici e libri di scuola scritti in una prospettiva di genere. Non sono azioni che si improvvisano. Sono processi e azioni che esigono riflessioni e leggi.

Però una cosa può farla subito per stimolare riflessioni e dare il via nella scuola a una sensibilizzazione necessaria su questi temi. Questo io le chiedo, un gesto semplice dalla ricaduta immensa: che la vicenda di Franca Viola venga inserita nei manuali scolastici.

È semplice e si può far subito. Basta aggiungere una pagina sola nei libri di storia rendendo onore a una donna che ha scritto la Storia Italiana al modo delle donne: senza una guerra, senza un’arma ma solo con un gesto di coraggio.

Se è vero che la Storia è maestra di vita ci aiuti a scrivere la storia delle donne italiane che hanno cambiato la Storia. E sia insegnamento per l’Italia che vogliamo costruire per le nostre ragazze e i nostri ragazzi: civile, moderna e basata su un’alleanza sana e paritaria tra gli uomini e le donne

Mila Spicola